File Blockfi del prestatore di criptovalute per la protezione dal fallimento per "massimizzare il valore per tutti i clienti" – Bitcoin News

Il 28 novembre 2022, il prestatore di criptovalute Blockfi ha informato il pubblico tramite un comunicato stampa che la società ha presentato volontariamente una petizione per la protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11. Blockfi è ora una delle tante aziende di valuta digitale che devono affrontare notevoli difficoltà finanziarie e procedure fallimentari nel 2022.

Blockfi presenta petizioni volontarie per la protezione dal fallimento del capitolo 11

Blockfi ha ufficialmente presentato istanza di protezione dal fallimento secondo a comunicato stampa distribuito lunedì mattina alle 10:17 (ET). La dichiarazione di fallimento del Capitolo 11 comprende il prestatore di criptovalute Blockfi e otto dei suoi affiliati.

La società di criptovalute insiste sul fatto che il piano è quello di "stabilizzare la propria attività e fornire all'azienda l'opportunità di portare a termine una transazione di ristrutturazione completa che massimizzi il valore per tutti i clienti e le altre parti interessate". Blockfi ha citato il crollo di FTX come un periodo in cui la società ha adottato misure per proteggere i clienti Blockfi.

Il 10 novembre 2022, Bitcoin.com News ha riferito che Blockfi aveva sospeso i prelievi e l'azienda ha anche citato FTX in quello specifico annuncio. Mesi prima si presumeva che FTX avrebbe acquistato Blockfi poiché il CEO della società aveva dichiarato a luglio che l'exchange aveva una "opzione per acquisire" il prestatore di criptovalute.

"Con il crollo di FTX, il team di gestione e il consiglio di amministrazione di Blockfi sono immediatamente intervenuti per proteggere i clienti e l'azienda", ha spiegato il consulente finanziario dell'azienda Mark Renzi. “Fin dall'inizio, Blockfi ha lavorato per plasmare positivamente l'industria delle criptovalute e far progredire il settore. Blockfi attende con impazienza un processo trasparente che raggiunga il miglior risultato per tutti i clienti e le altre parti interessate".

Compute North, Voyager Digital, Celsius, Three Arrows Capital e FTX hanno presentato istanza di fallimento dopo aver affrontato problemi finanziari. Secondo quanto riferito, numerosi problemi sono associati a risorse con indebitamento eccessivo e all'implosione della blockchain di Terra avvenuta sei mesi fa.

Tag in questa storia

Fallimento, Annuncio di fallimento, Dichiarazione di fallimento, Blockfi, Blockfi Bankruptcy, CEO di Blockfi, Celsius, Capitolo 11, calcolo nord, criptovalute, Problemi finanziari, problemi finanziari, Problemi finanziari, ftx, Mark Renzi, Terra blockchain implosion, Three Arrows Capital, Voyager Digitale

Cosa ne pensi della richiesta di protezione dal fallimento del capitolo 11 da parte di Blockfi? Fateci sapere cosa ne pensate di questo argomento nella sezione commenti qui sotto.

Jamie Redman

Jamie Redman è News Lead di Bitcoin.com News e giornalista di tecnologia finanziaria che vive in Florida. Redman è un membro attivo della comunità delle criptovalute dal 2011. Ha una passione per Bitcoin, codice open-source e applicazioni decentralizzate. Da settembre 2015, Redman ha scritto più di 6.000 articoli per Bitcoin.com News sui protocolli dirompenti che emergono oggi.


Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un'offerta diretta o una sollecitazione di un'offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o approvazione di prodotti, servizi o società. Bitcoin.com non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscale, legale o contabile. Né la società né l'autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per eventuali danni o perdite causati o presumibilmente causati da o in connessione con l'uso o l'affidamento a qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Notizie più popolari

Nel caso te lo fossi perso



Collegamento alla fonte

Autore

  • Guglielmo Foster

    William Foster è un redattore per la regione dell'Asia centrale e dell'Europa. In precedenza ha lavorato come redattore presso Acuris (Mergermarket) dove era responsabile di documenti su startup, accordi di private equity, raccolta fondi, sviluppi e direzione editoriale. Il suo periodo più memorabile è stato alla Reuters, dove è stato sia reporter che redattore per vari team.

Caricamento dati ...
Confronto
Visualizza grafico confrontare
Visualizza tabella confrontare
it_ITItaliano